Zafferano? Made in Castelvetro di Modena

Si chiama Cristina Santunione. Oppure UmileTerra? Difficile scindere l’attività agricola da Cristina.

Una casa da ristrutturare tra le dolci colline di Levizzano Rangone le permette di scoprire, qualche anno fa, la sua grande passione per la coltivazione della terra e i lavori manuali ad essa legati. Lavora tanto, studia ancor di più e capisce che il biologico può diventare la sua vita. La sua nuova vita. Così volta pagina e, grazie a dei finanziamenti europei, riesce a partire.

Dove la porterà questo viaggio che ha intrapreso? Spero il più lontano possibile. Perchè quando ho saputo che nel mio Comune lei è capace di coltivare lo zafferano, sono rimasta piacevolmente stupita.

Facciamoci raccontare di più, direttamente da lei.

 

Ho iniziato a produrre zafferano nel 2016, per valorizzare il mio lavoro manuale e perchè è da sempre legato al mondo  femminile.
La nostra azienda nasce su un piccolo podere di famiglia di circa 3 ettari, rimasto incolto da oltre 25 anni. Coltiviamo seguendo il metodo biodinamico per rendere vitale il terreno e creare un legame profondo con la natura.
Il terreno delle colline castelvetresi, prevalentemente limoso, non è di natura votato a questa coltura.
Ma con un po’ di attenzione nella tenuta del campo, sono riuscita a ottenere un prodotto che si classifica nella I categoria, si parla cioè di qualità ottima.
Teniamo sotto controllo la qualità del prodotto: grazie alle ultime analisi effettaute presso l’Università dell’Aquila a febbraio 2021, il nostro zafferano si è rivelato avere un ottimo potere colorante e amaricante. Ciò significa che è indicato sia per portare colore ai piatti che per ottenere un sapore deciso.
Tutta la nostra lavorazione viene fatta a mano, dalla raccolta alla sfioritura.
Il nostro zafferano viene venduto in stimmi, per garantire la purezza del prodotto.
L’essiccazione viene effettuata a bassa temperatura, costantemente controllata. Questo ci permette di raggiungere un’umidità residua pari al 2%, garantendo ottima conservabilità al prodotto.
Utilizziamo lo zafferano anche nel nostro laboratorio di trasformazione, dove produciamo in particolare due composte ottime per accompagnare formaggi stagionati:
  • la composta pere e zafferano
  • la composta di cipolle borettane e zafferano
Sicuramente rimane ancora parecchio lavoro da fare per poter riuscire ad aumentare la produzione.
Al momento la quantità di zafferano prodotta è modesta e ci ha permesso di rivolgerci solo al cliente finale. Non siamo ancora riuscita a proporlo a chef e ristoratori, per mancanza di prodotto.
Ma ci prefiggiamo assolutamente di farlo.

 

Per maggiori info potete scrivere a umileterra@gmail.com
E seguire i profili

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.