Visita al Lombardia Beer Fest 2018

WhatsApp Image 2018-03-26 at 19.24.41

Sono curiosa. Sono sempre alla ricerca di nuovi sapori e profumi per i clienti della nostra piccola boutique di birra artigianale. Questo perché di base sono “golosa”, ma soprattutto per il fatto che il mio palato è ormai abituato alle prelibatezze del mondo birraio.

Spinta dalla curiosità, ieri ho passato due ore al Lombardia Beer Fest, girando, chiacchierando e ovviamente assaggiando le ultime novità proposte dei 15 birrifici artigianali che erano presenti all’evento.

Faceva freddo sotto la splendida cornice istituzionale di Piazza Città di Lombardia, luogo che ha accolto la manifestazione, trasformatosi per l’occasione in un fiume di gente e di malto liquido. L’accompagnamento musicale e la voglia di assaporare qualcosa di eccezionale mi hanno fatto restare per un po’.

L’ingresso era gratuito, ma per bere abbiamo acquistato il classico bicchiere in policarbonato con sacca porta bicchiere dotata di logo dell’evento, che mi sono portata a casa come souvenir.

Le novità e le sperimentazioni dei vari mastri birrai che ho trovato sono state davvero tante.

Sono stata felice di conoscere due nuovi birrifici: 2 birre delle 3 birre che mi sono piaciute di più erano infatti di produttori che non conoscevo.

La prima si chiama “Criminale“, una American Cream Ale, dell’esuberante birrificio Esubeerante di Opera. Una birra mono luppolo, solo il Cascade sia per l’amaro che per che per l’aroma e dry hopping. Poco alcolica, cremosa, con sentori molto delicati e ben bilanciati nel palato. Proprio come piace a me.

La seconda, la “Tripple“, è una triple del birrificio di Vigevano Stradaregina. Morbida, bilanciata, speziata e molto beverina nonostante i suoi 8,2 gradi alcolici. In perfetto stile Belga.

La terza birra che ho assaggiato è infine dello storico e molto noto birrificio Lambrate di Milano. La “Mosaic Cryo IPA“, una American India Pale Ale, fresca, agrumatissima, con il luppolo Mosaic a farne da padrone.

Mi sarebbe piaciuto rimanere lì fino alla premiazione, ma avevo troppo freddo e… la cena era prenotata. Sarà per il prossimo anno.

 

Anabela Ferreira, BeerGallery

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *