Schisciando: storia e progetti futuri

Con la sua #SchiscettaPerfetta ci ha fatto cucinare, divertire, immaginare e fantasticare. E’ Alessandro Vannicelli, il nostro “Mister Schiscetta 2014” 🙂

Ma chi è Alessandro? Come sono nati prima Schisciando e poi il libro? Quali saranno i progetti futuri di questa promettente idea?

Ne parliamo con l’autore, che con molta simpatia ci racconta tutto o quasi.

 

Chi sei e cosa fai nella vita oltre alle schiscette?

Rappresento lo stereotipo Milanese direi. Lavoro in un’agenzia di marketing e comunicazione, ma mi salvo in corner occupandomi di Digital, come Senior Consultant. Quindi il refrain “Faccio cose, vedo gente” si tramuta in “Chatto con persone, twitto con follower” 🙂

Ho un grande orgoglio Geek e non lo nascondo affatto!

 

Quando nasce il tuo blog e perché?

Tutto nasce oramai 1 anno e mezzo fa. Ho e avevo una grande passione per il food, oltre ad essere una buona forchetta e volevo celebrare questo entusiasmo con un blog.

Non volevo fare il blog con foto e ricette, non perché sia ostinatamente “radical chic” o per differenziarmi, ma perché volevo uno spazio che fosse vicino alle mie, come le abitudini dei miei amici e colleghi.

La schiscetta, è una abitudine che mi porto dietro da tempo. Quando vivevo con i miei genitori, mio padre la preparava per me e mio fratello e la ricordo con piacere.

Schisciando è in qualche maniera un verbo coniugato, “uno stile di vita” come recita il refrain del mio blog. E’ un modo anche per affrontare e guardare con un occhio positivo alla crisi economica che oramai ci attanaglia da anni.

 

La tua schiscetta di maggior successo

Con questa tua domanda, mi hai fatto fare un viaggio a ritroso nel tempo per vedere le schiscette che hanno avuto maggior successo, ammetto che è stato molto piacevole e ora ho una fame atavica da UNNO, fortuna che mentre scrivo manca poco alla cena 🙂

Ma torniamo alla tua domanda. La schiscetta di maggior successo sono in realtà più di una.

Sicuramente il risotto alla barbabietola con fonduta di parmigiano reggiano ed erba cipollina, dei burger home-made di spinaci con pane ai cereali, bacon croccante e maionese allo zenzero e i Muffin Lorraine.

Ti ho messo appetito? Provo sempre abbinamenti differenti, sperimentando e lasciandomi contaminare da altre cucine. Ora sono rapito da un libro inglese di insalate, e sto pensando di sperimentarne alcune modificando alcuni ingredienti per renderle più “schiscettabili”, mi dirai anche tu se il risultato sarà apprezzabile.

 

Come sono evolute nel tempo le tue schiscette?

Sono partito da piatti semplicissimi, da couscous freddi a paste molto basic fino ad arrivare alla contaminazione e i piatti più elaborati che trovi nel blog e all’interno del libro. Sicuramente il mio approccio rimane la semplicità abbinata al “gusto di pancia” e il “gusto dell’occhio”, mi spiego: è bello aprire la schiscetta e trovare una pietanza che appaga non solo il gusto ma anche la vista. Anche le prime foto peccano parecchio in qualità, ma è bello vedere l’evolvere del mio piccolo blog e l’urgenza comunicativa da cui è nato. Ogni scelta la rifarei. Una volta ho letto una frase su un libro, che faccio mia per rispondere in parte a questa domanda. “Il viaggio è la meta la ricompensa è il tragitto.”

Un anno di schiscette sul blog ed è uscito il libro. Un meraviglioso sogno che si avvera.

 

 

Da chi è venuta l’idea del libro? Come si è sviluppata?

Il libro era nella mia testa da un po’ di tempo, un sogno che avevo riposto nel cassetto, senza mai aprirlo per non pensarci troppo. Poi una mattina, dopo l’uscita di una mia intervista su un magazine ricevo una mail: “Ciao, siamo rimasti colpiti dal tuo blog, se lo facessimo diventare un libro? Ti va di parlarne?”

Da quella mail è seguito un incontro, entusiasta con DeAgostini e nel giro di poco siamo partiti con il progetto. Un ottovolante di emozioni mi travolge da qualche mese a questa parte, ho passato le vacanze di Natale e Gennaio a scrivere il libro e ora è nei negozi. Il libro l’ho scritto con un tono colloquiale, non è il solito manuale di cucina, ci trovate aneddoti personali, storie di amici. Un po’ di vissuto legato alle schiscette che ho inserito. Ho provato a scrivere il libro che avrei voluto avere quando ho iniziato a muovere i primi passi in cucina. Andiamo da capitoli come “Le Cover”, un omaggio diretto al mio passato professionale in ambito musicale, le cover sono una reinterpretazione di classici di altri artisti, io affronto i classici della cucina italiana, alla mia maniera. Poi ci sono altri capitoli come “Un pieno di verde, grazie”, dove propongo ricette vegetariane sfiziose, “Carboidrato Mon Amour” dove esprimo la mia gioia e dipendenza per i piatti a base di pasta e riso etc etc.

Non vi resta che andare in libreria e curiosare! 🙂

 

Altre iniziative legate al libro o al blog?

Sarò Sabato 10 Maggio alle 19.00 al Festival del libro di Torino per presentare con un action cooking il libro, con me una amica che avete già visto, Enrica della Martira, finalista della terza edizione Masterchef. Domenica 1 Giugno alle 20.00 sarò a Maiori in Costiera Amalfitana per presentar il libro durante la rassegna “In Costiera Amalfitana – Festa del libro mediterraneo. Il 15 Giugno alle 17.00 mi troverete ad Asti al Festival Fuori Luogo per una presentazione del libro. Domenica 22 Giugno alle 15.00 mi troverete a Barzanò in provincia di Lecco durante Cibo In Festival per scambiare quattro chiacchiere sul libro e cucinare. Stanno arrivando altre date, Ti e vi terrò aggiornati 🙂

 

Progetti futuri

Ora ho messo on line il sito www.schisciando.com , è ancora in fase Beta, iscrivetevi alla newsletter, a breve ci saranno novità. Sarà un sito aperto alle schiscette delle persone che mi seguono, ci saranno aree tematiche con approfondimenti settimanali e soprattutto Le ricette, che nel precedente blog su Tumblr non trovavano spazio. Il tumblr rimarrà ovviamente, ma ci sarà in parte dedicato non solo alle foto delle schisce ma anche a backstage, video etc. Ti e vi aspetto! grazie per l’opportunità!

 

IMG_1077

(Credits: Chiara Mirelli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.