Pesto: ne parliamo con il re, Roberto Panizza

pani

Se dici Pesto, dici Roberto Panizza. Lo sanno bene i gourmet di tutta Italia e ancor meglio i fortunati che hanno assaggiato le sue prelibatezze presso il suo ristorante, Il Genovese, situato ovviamente a Genova!

In vista della prossima edizione della famosa competizione mondiale, scambiamo due chiacchiere con lui.

Il pesto: sempre in voga, in crescita o in calo secondo te, a livello di interesse e in cucina?

Il pesto gode, e a livello mondiale di un incredibile attenzione. Sia a livello di prodotto destinato al largo consumo che nelle preparazioni delle famiglie e anche nella ristorazione. Questa diffusione sempre più spinta presenta alcune caratteristiche interessanti e molti pericoli.

Per esempio è significativo il fatto che il Pesto viene associato ad alimenti che non sono la pasta: carni, pesce, verdure, pizza. Per quanto non tradizionali queste modalità di consumo sono il vero traino della diffusione del pesto nel mondo. I pericoli sono invece legati alla modifica della ricetta tradizionale, in quanto la produzione è sempre più slegata dal territorio di origine. Questo rischia di comportare perdita di qualità e di identità per un prodotto che è il simbolo del territorio Genovese e ligure.

Il tuo concorso internazionale: come è andato negli ultimi anni, quando sarà la prossima edizione, che cosa provedi di nuovo?

Il Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio gode anche lui di ottima salute. L’Associazione Culturale dei Palatifini sta lavorando duramente alla prossima settima edizione, che si terrà nuovamente a Genova il prossimo 17 Marzo. La grande novità sarà un maggiore impegno da parte di tutti gli enti pubblici dalla Regione Liguria in poi, per appoggiare la richiesta di fare della tradizione della preparazione Pesto al Mortaio patrimonio immateriale Unesco.

Il tuo ristorante: piatto forte più richiesto, novità, altre iniziative che hai fatto partire

Piatto forte sempre gli gnocchi fatti in casa al pesto! Sono il nostro piatto più rappresentativo e ci danno grande soddisfazione, ma tutto il menù è pensato per rappresentare al meglio tutta la cucina ligure. Abbiamo diverse iniziative pronte a partire, quella più rilevante è l’apertura di un nuovo punto di ristorazione nel Mercato Orientale, il più grande e storico di Genova, nell’ambito di un bel progetto di recupero. Altra grande soddisfazione ci da la produzione del nostro Pesto, che raggiunge ormai dodici paesi ai quali si è aggiunto di recente Singapore.

Se anche voi volete assaggiare il Pesto di Roberto, potete acquistarlo online QUI.

Ricordate però che ne prepara solo 2 Kg a settimana.

Se volete sapere con cosa è fatto il Pesto, eccovi gli ingredienti:

Olio extra vergine di oliva, basilico genovese dop 26%, parmigiano reggiano dop, pinoli, “Fiore Sardo” dop, sale, aglio, antiossidante: acido ascorbico. Non contiene glutine.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.