Luca Maroni e i migliori vini d’Italia

LUCA MARONI - I MIGLIORI VINI ITALIANI 2

A fine novembre scorso si è tenuta a Milano la tappa meneghina della manifestazione “I migliori vini italiani” di Luca Maroni.
In questa occasione, che ha riscosso un grande successo di pubblico, sono stati premiati i più interessanti vini lombardi con un’anticipazione sulla guida 2019, che è stata presentata in dicembre.

Assaggi, degustazioni poli sensoriali, premiazioni, performance artistiche e musicali sono stati al centro di quello che ormai è diventato un salotto enologico. L’evento ha permesso di scoprire i migliori prodotti regione per regione, con 150 etichette e 30 espositori.

Luca Maroni, analista sensoriale di fama internazionale, commentato così l’annata appena trascorsa:

“L’annata è stata particolarmente calda ma i produttori con la loro dedizione e la loro professionalità, hanno evitato che le uve venissero cotte dal sole esageratamente. Ne hanno invece mantenuto i profumi con una sapiente cura: la concentrazione estrattiva è stata incredibile! Il risultato è stato aver ottenuto vini cremosi che regalano al palato un’esplosione di calore sottolineando gli intensi elementi fruttuosi. Mi hanno chiesto durante un’intervista – continua il critico – quanto sia forte l’appeal del vino italiano nel mondo: la risposta è “grandissimo”. Passa attraverso quello che i viticoltori sono in grado di produrre grazie alla loro umanità ed arte.”

La grande novità di quest’anno è stata che il miglior spumante di Lombardia è risultato essere anche il migliore d’Italia. Si tratta del pinot nero spumante charmat extra dry di Cantina Vanzini.

Oltre a questa, ecco la lista dei migliori vini lombardi premiati:

MIGLIOR SPUMANTE
Vanzini – PINOT NERO SPUMANTE CHARMAT EXTRA DRY SA – IP 93 (migliore in Lombardia e a livello nazionale)

MIGLIORI SPUMANTI DOLCI
• Giorgi – Vino Premiato: MOSCA ROSA SWEET WINE 2017 – IP 94
• Tenuta Riccardi – MOSCATO ORODELPO – IP 93

MIGLIOR VINI ROSSI
• Fratelli Agnes – Vino premiato: LOGHETTO AMMANDORLATO 2017 – IP 96
• Losito e Guarini – Vino premiato: C’ERA UNA VOLTA LA BONARDA FRIZZANTE SA – IP 94
• Marchese Adorno – Vino Premiato: PINOT NERO BRUGHERIO 2016 – IP 93
• Ca’ D’Or Franciacorta e Lessini Durello – AMARONE NERO FOSCO 2014 – IP 94
• Cantine Francesco Minini – Mea Culpa Rosso 2017 – IP 94

MIGLIORI VINI BIANCHI
• Giuseppe Filippo Barni – SAUVIGNON 2017 – IP 92
• Perla del Garda – LUGANA DOC PERLA 2017 – IP 92

Abbiamo fatto alcune domande a Luca Maroni per saperne di più sul settore.

Quale é la situazione del comparto vinicolo in Italia?

Una splendida situazione, siamo leader qualitativi e quantitativi della produzione enologica mondiale, un primato che tutto il mondo ci invidia

Quali sono i vini di tendenza e quali gli emergenti nel panorama nazionale?

Si beve e si berrà sempre di più con il naso. Saranno quindi favoriti e preferiti i vini con i maggiori profumi, i vini aromatici bianchi e rossi. Stanno inoltre crescendo l’apprezzamento sia dei rosati che degli spumanti Rossi.

Perché é importante la degustazione sensoriale?

Perché esplodendo la sensazione, ovvero elaborandola con l’intelletto con attenzione, percepisco, godo, comprendo e rispetto sempre di più l’oggetto, l’agente di tale sollecitazione: il vino.

Qual é l’appeal del vino in Italia nel resto del Mondo?

Altissimo come si è detto, gli stranieri quando acquistano e degustano un vino italiano e acquistano e godono sensorialmente l’Italia, il Paese da cui questo vino proviene.

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.