I nuovi olii Pujje da Mò Puglia BIstrot

Pujje

Nella zona storica di Brera, nel centro di Milano, si trovano le specialità regionali pugliesi di Mò – Puglia Bistrot, che seleziona eccellenze del tacco d’Italia, con un occhio di riguardo ai presidi Slow Food come il pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto, il fico mandorlato di San Michele Salentino, la cipolla di Acquaviva, il biscotto di Ceglie Messapica e il Capocollo di Martina Franca.

Il locale si presta sia per un break veloce o un aperitivo, con cibi di strada tipici come panzerotti fritti e focacce, rustici, sartascinello e pettole, sia a pranzi e cene a base di tiella barese o pasta alle cime di rapa e fave.

L’ambiente è colorato ed essenziale, ravvivato dall’allegria dell’artigianato locale.

In questa location raccolta, abbiamo assistito alla presentazione di Pujje, un nuovo brand del settore oleario, nato a febbraio 2017.

pujje

I blend disponibili, ricavati dalle 11mila piante di ulivo di proprietà, sono due:

  • Anfitrite: fruttato, delicato, dal sapore morbido, ha un retrogusto leggermente piccante. È adatto a pietanze delicate. Porta il nome di una ninfa marina.
  • Rea: deciso, dal sapore robusto, con un forte retrogusto piccante. Si sposa bene con piatti dai gusti più forti. Porta il nome della madre di Zeus.

La scelta di proporre Blend e non monocultivar è stata precisa, e mira a creare un olio ben riconoscibile e “firmato” dal mastro oleario.

Il brand si posiziona come di lusso: il packaging delle bottiglie da 500 e 200 ml ha un design essenziale e sofisticato, la distribuzione consiste in negozi specializzati di alta fascia nonchè nella ristorazione e nel settore alberghiero. Si rivolge ad un consumatore esigente, capace di apprezzare l’originalità.

Mò / foto: Giuseppe Di Viesto

Mò / foto: Giuseppe Di Viesto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *