La Robiola è sempre più amata – una ricetta

Per tartine e canapè e molte altre ricette, pare che gli italiani scelgano sempre più la robiola.

I dati di vendita relativi allo scorso anno (chiuso a maggio 2011) rivelano infatti una crescita nei consumi del 2,2%, per una spesa relativa dell’1,2% in più. La robiola è infatti un formaggio estremamente versatile, morbido e fresco, il cui mercato è stimato in più di 2.717 tonnellate (per un controvalore di 28,5 milioni di euro). Questi numeri non si improvvisano di certo, ma derivano da un lavoro ventennale congiunto tra industrie casearie, GDO e negozi sparsi su tutto il territorio nazionale.

Esistono decine di varianti locali di questo formaggio, che principalmente però possiamo distinguere tra fresche e stagionate.

Tra queste spicca quella di Roccaverano, che ha meritato la DOP.

Vi presento quindi una ricetta da realizzare con la robiola:

Bocconcini di robiola con pistacchi e nocciole 

Pelare un pomodoro grande maturo  e dividerlo in pezzi. Poi frullarlo con una costa di sedano sminuzzato, 20 g di olio extravergine di oliva e un poco di sale e pepe. Sistemare in due piatti piani 50 g di pistacchi tritati e 50 g di nocciole tritate, deporvi 150 g di robiola un cucchiaio per volta facendola rotolare leggermente in modo da ottenere delle palline rotonde. Servire i bocconcini con la salsa in una ciotolina a parte. 

La prossima settimana vedremo una ricetta per cucinare una gustosa pastasciutta, sempre a base di robiola.

Fonte: Assolatte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.