Ekk, il meglio dell’Abruzzo

Dal recupero di una vecchia cantina sociale abbandonata è nato un centro innovativo che mette in mostra le eccellenze dell’Abruzzo. E’ questa, in estrema sintesi, la storia di Ekk“qui”, in dialetto abruzzese – che da qualche settimana (l’inaugurazione ufficiale è del 10 marzo scorso) unisce un vivaio, un negozio di eccellenze gastronomiche, un ristorante e un eco-albergo con business center. Ekk si trova a Città Sant’Angelo, in provincia di Pescara, Città Slow e uno dei “Borghi più belli d’Italia”.

Le eccellenze gastronomiche e artigianali locali si trovano nella bottega Ekk Tipico d’Abruzzo, organizzate per territori provinciali e “curate” da personale esperto, istruito dai produttori e dal consulente di prodotti tipici Tino Di Sipio, che aiuta all’acquisto migliore.
Dalla bottega i prodotti possono anche prendere la brevissima strada che porta a Ekk Ristorante Cantina Santangelo. Qui, grazie allo chef Gabriele Marrangoni, troviamo menù della tradizione abruzzese davvero “a chilometri zero”: quello che non viene da Ekk Tipico arriva comunque da produttori locali.

Il vivaio – della famiglia Febo, che ha voluto tutto il progetto Ekk – copre oltre 8 mila metri quadrati con una esposizione di piante da frutta, fiori, piante autoctone, frutti antichi e piante esotiche.
Ekk Hotel è l’albergo ricavato dalle antiche strutture della cantina, all’insegna della sostenibilità ambientale. Comprende anche un business center e 12 uffici temporanei flessibili, che danno la possibilità a professionisti con attività in fase di start-up, e a coloro che si trovano nella zona per un viaggio di lavoro, di avere un ufficio attrezzato in posizione strategica rispetto all’autostrada.
Da maggio, Ekk si estenderà con Ekk Vacanze tipiche d’Abruzzo: vacanze insolite in cui il turista avrà parte attiva in manifestazioni folcloristiche e tradizionali e in spaccati di vita rurale, dalla conduzione di un gregge al coinvolgimento in rievocazioni medievali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.