BWT: le super caraffe che filtrano e aggiungono magnesio

Ci troviamo all’Hotel Sheraton a Milano, per assistere alla presentazione delle caraffe BWT.

Tema di attualità molto discusso quello delle caraffe filtranti, che mi incuriosiva parecchio. L’incontro di oggi è stato quindi un buon momento per ascoltare spiegazioni tecniche e capirne di più.

La cosa chiara fin da subito è che le caraffe BWT non solo filtrano, ma aggiungono anche magnesio all’acqua cambiandone quindi anche il sapore (dettato dai diversi minerali contenuti) e rendendola più “buona”.

Presentano le caraffe la Dott.ssa Franca Marangoni (Specialista in Farmacologia e Tossicologia degli Alimenti, Responsabile di Ricerca NFI Nutrition Foundation of Italy) e Petra Schrott Responsabile Marketing BWT Italia.

Prima domanda: perché usare le caraffe?

Petra ci spiega che l’acqua del rubinetto in Italia è buona, si può bere e alcune persone preferiscono l’oggetto “caraffa” alla bottiglia – in effetti queste BWT hanno un bel design e colori di tendenza. La caraffa agisce poi eliminando il cloro, migliorando quindi il sapore dell’acqua. Da un punto di vista ecologico, la caraffa permette di eliminare le bottiglie di plastica che inquinano il pianeta (come già spiegato nel post dedicato a SodaStream) inoltre, ultimo ma non per peso, portare le confezioni di bottiglie d’acqua a casa è piuttosto impegnativo!

Petra ci spiega che il brand BWT è molto noto in ambito industriale: nella nostra vita siamo sicuramente entrati in contatto con acqua filtrata da questa azienda tedesca perché per il 98,5% le acque filtrate sono loro – pensiamo ad esempio a piscine, treni e anche all’industria dei settori Food e Beverage. Tra i marchi notissimi che ci mostra Petra c’è persino l’arcinoto Moet & Chandon!

In effetti BWT lanciando questo prodotto ha aggiunto solo un target che mancava loro, ovvero le nostre case. Petra ci descrive il funzionamento delle caraffe: l’acqua scende a cascata attraverso il filtro scambiatore di ioni ed avviene la magia. Il tappo ha uno speciale contatore che indica le volte in cui carichiamo la caraffa e ci avverte quando è ora di cambiare filtro – risolto quindi il problema “ma quando devo cambiarlo?”. Gli scarti del filtro usato diventano un ottimo concime per le piante e la plastica andrà poi smaltita e riciclata. Ecologico al 100%. L’ideale sarebbe bere l’acqua in giornata, appena filtrata e conservarla in frigorifero. Se lasciata fuori troppo tempo rischia di deteriorarsi come farebbe una qualsiasi altra acqua ad esempio dimenticata in macchina.

Ecco un video che ho realizzato durante la presentazione

Petra Schrott descrive le caraffe BWT

La dott.ssa Marangoni ci spiega poi che sarebbe consigliabile assumere 375 mg al giorno di magnesio – compreso cibo e bevande varie come te e caffè. Una quantità di 25 mg per l’acqua è già rilevante. Dopo il calcio, il magnesio è il secondo catione del corpo ed è coinvolto in 350 reazioni metaboliche, legate a sistema nervoso centrale, muscoli e metabolismo energetico. Lo troviamo nei cereali integrali, nella frutta secca, nelle verdure a foglia verde ma solo in qualità di pochi milligrammi. Un adulto dovrebbe assumere 2 litri di acqua al giorno, mentre per i bambini la quantità consigliata è maggiore a causa della disidratazione dovuta alla cute. Come sappiamo non bisogna farsi bastare il meccanismo della sete, per cui il nostro organismo richiede acqua al bisogno, seppur funzionante.

Vi lascio informazioni tecniche fornite dall’azienda riguardo il meccanismo di filtraggio.

I filtri BWT si basano su un semplice principio: l’acqua del rubinetto viene versata nella caraffa dall’alto, cola quindi attraverso un filtro sostituibile e passa nel serbatoio, pronta per essere bevuta.

Il processo di filtraggio – e con il filtro BWT, il processo di arricchimento di magnesio – avviene nel filtro stesso, grazie ad granulato filtrante.

Il granulato filtrante BWT consiste in una miscela di carbone attivo e di scambiatori di ioni Mg2+ **. Con la sua vasta superficie, il carbone attivo trattiene le sostanze che alterano il sapore dell’acqua, come il cloro e i suoi composti. Gli scambiatori di ioni assorbono le sostanze calcificanti come il calcio e i metalli pesanti, quali piombo e rame, rimuovendoli dall’acqua filtrata. Oltre a ciò, filtri per la rimozione di particelle, all’entrata e all’uscita, rimuovono i frammenti di calcare o la ruggine dall’acqua.

* Carbone attivo

Il carbone attivo è un prodotto naturale con una struttura porosa e una vasta superficie interna. Questo gli permette di adsorbire, ossia di legare alla sua superficie, numerose sostanze contenute nell’acqua (ad es. cloro, composti di cloro). Il carbone attivo nel filtro BWT produce un’acqua limpida, priva di odori e con un buon sapore. BWT produce il carbone attivo usato nei suoi filtri in modo ecosostenibile, ricavandolo dai gusci delle noci di cocco.

** Scambiatore di ioni

Gli scambiatori di ioni sono granuli insolubili in acqua con una struttura porosa altamente sviluppata. Hanno la capacità di intrappolare le sostanze calcificanti (ad es. gli ioni di calcio) e i metalli pesanti quali piombo e rame e liberare in cambio ioni di magnesio (Mg2+) nell’acqua.

Vi interessano le caraffe e volete acquistarne una?

Trovate caraffe e i filtri BWT nei migliori negozi di elettrodomestici e casalinghi e nelle più importanti catene GDO. Il prezzo al pubblico suggerito di una confezione contenente una caraffa ed un filtro è di € 21,99; il costo delle cartucce per ricaricare i filtri  varia da  € 7,49, a € 34,99, per quelle Universal.

Per maggiori info: www.bwt-magnesio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.