Il latte: imprescindibile anche in tempo di crisi

Molto diffuso tra le famiglie, con dati d’uso in aumento e ottima immagine: anche in tempi di crisi, il latte resta un alimento apprezzato e irrinunciabile per gli italiani. Lo confermano i risultati dell’indagine demoscopica biennale sui prodotti lattiero-caseari condotta per conto da Assolatte da AstraRicerche.

Il consumo riguarda oltre 83 adulti su 100: 36,2 milioni di italiani tra i 15 e i 70 anni non rinunciano al latte. Oltre metà dei consumatori risulta bere latte anche più volte al giorno. Il 13% lo consuma da 3 a 6 volte a settimana e il 10% 1 o 2 volte a settimana.

Rispetto alla precedente indagine del 2011, i consumatori sono diminuiti solo dell’1,4%, attestandosi all’83,1%. Nell’ultimo biennio è cresciuta poi molto la frequenza di consumo: oggi il 64% della popolazione adulta beve latte tutti i giorni o quasi.

E’ migliorata anche l’immagine sociale del latte: l’81% degli italiani ha un’immagine positiva del prodotto, il 75% lo identifica con la sana alimentazione vantandone la funzione nutritiva, il 51% con il benessere e la salute, il 42% con la freschezza dissetante, il 39% con la calma e la serenità e il 28% in particolare con la distensione e il relax.

Le caratteristiche organolettiche più apprezzate sono il sapore, il profumo e la piacevole consistenza.

Amano questo alimento soprattutto gli ultra 34enni e i residenti in Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia. I maggiori consumatori di latte sono soprattutto tra donne, tra 25-34 e 45-54 anni, residenti in Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.