Fabio Iacovone al Casanova

Siamo bene o male tutti rientrati dalle ferie e ci si ritrova ai primi eventi mondani della stagione. Racconti delle vacanze, abbronzatura che c’è o che se ne è già andata, eccoci alla prima serata di ritorno organizzata presso il ristorante Casanova dell’hotel Westin Palaca di Milano. Come di consueto i protagonisti sono gli chef emergenti, ospiti del padrone di casa Tombolato e lunedì scorso è stata la volta di Fabio Iacovone di Let Petit Restaurant – Hotel Bellevue – Cogne.

Il menu della serata rappresentava in pieno la regione di provenienza, presentando prodotti ed abbinamenti caratteristici. Dopo un aperitivo con canapè innaffiato da spumante di Quatremillemètres vins d’altitudes e l’antipasto fresco a base di filetto di trota dello chef  Tombolato, ci siamo “tuffati in montagna” per assaggiare

–         L’uovo di re Vittorio: una fonduta di formaggio con tuorlo d’uovo scottato e tartufo nero

–         Il risotto “Gran Riserva Gallo” al Donnas Vieilles Vignes

–         Il sottofiletto di cervo cotto nel sale grosso e fieno di montagna

La serata si è chiusa con il tortino al miele e mascarpone con aspic di moscato del patron.

I piatti molto gustosi abbinavano sapori forti, che richiedevano vini altrettanto importanti o profumati come

–         Chambave Muscat 2010 di La Crotta di Vegneron

–         Valle d’Aosta, Enfer d’Arvier 2010 di Cooperative de l’Enfer

–         Valle d’Aosta, Fumin 2010 di La Crotta di Vegneron

Anche la presentazione rispecchiava lo stile dello chef e del ristorante da cui proviene, classico ed abbellito da arredi dell’Ottocento. Ho apprezzato molto la fonduta, data la mia passione per il tartufo, e l’abbinamento risotto-riduzione di rosso – discussa al mio tavolo. La serata è stata davvero piacevole ed interessante. E’ stato come ritornare in vacanza per una sera, senza (unico neo) il sollievo delle temperature d’altura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.